Domanda: Sugli spazi paralleli.
Risposta: Gli spazi paralleli esistono qui sul nostro pianeta. L’esistenza contemporanea di mondi paralleli non crea disturbo tra loro, perché ognuno di essi è «dipinto» del proprio colore. Tutto quello che non vedete e non percepite voi, lo vedono loro. Un altro mondo vive qui a fianco, ma lui ha la sua vita e noi – la nostra. Questo somiglia ad un disegno dei cartoni animati, quando ad un disegno, eseguito su di una carta trasparente, ne sovrappongono un altro. Ogni immagine può vivere senza l’altra, ma, guardando da lontano, formano insieme un unico disegno unito, che ha una sua funzione figurativa rigorosamente prestabilita.

Domanda: Sul mondo parallelo. Esiste una struttura gerarchica nel mondo parallelo?
Risposta: Nella vita del mondo parallelo esiste una politica opposta a quella umana. Non esiste una struttura di potere, essa è come un sogno. Ondeggiante e precaria. La politica e la vita politica vengono fatte a mo’ di gioco; non esiste nel modo in cui è concepita dagli uomini. Tutto ciò somiglia a come i politici riproducono i loro ruoli nella propria immaginazione. Questo è solo un’ombra che accompagna la vostra vita.

Domanda: Cosa è lo spazio parallelo?
Risposta: Questo è un altro sistema del movimento del pensiero. Questo vuol dire compiere le azioni con la possibilità di un esito diverso, e con la possibilità di un successivo ritorno allo stato di partenza, per poter comparare quello che sarebbe potuto accadere nello spazio reale e in quello parallelo e per la valutazione dei risultati migliori e peggiori possibili.
In base ai risultati di questa comparazione viene tratta una conclusione sulla crescita dell’anima o del suo degrado. Nello spazio parallelo tutto accade come in uno specchio capovolto. E’ il motivo per cui una specie di sosia potrebbe avere una vita diversa, ma con le stesse sofferenze e le stesse correzioni.

Domanda: La necessità dell’esistenza del mondo parallelo.
Risposta: Il mondo parallelo è il mondo delle prove e degli errori, della realtà e della fantasia. Il mondo dove accadono cose comparabili a quelle del mondo reale. Ovviamente, questa è una vita completamente diversa, in quanto l’esistenza di un’altra simile o il suo clone, non avrebbe senso.
Mentre il senso del mondo parallelo non sta nell’avere la possibilità di calcolare in anticipo tutto lo svolgersi degli avvenimenti, bensì valutare in modo evidente un’altra possibile situazione e di fare una scelta di un’altra via di sviluppo con la considerazione di tante situazioni diverse.

Domanda: Quale è il senso dell’esistenza dei mondi paralleli?
Risposta: Il senso sta nel risultato finale. Molti dicono che quando l’anima dell’uomo si stacca, ad essa vengono mostrate le immagini più vive della propria vita, come se fosse una videoripresa accelerata.
Quindi Dio non deve osservare e trarre conclusioni sull’attività di ogni persona durante il suo percorso terrestre. La registrazione completa della sua vita e della vita possibile diversa viene conservata per la comparazione finale. A che serve tormentarsi con le domande «di cosa sarebbe stata capace l’anima», se si può vedere tutto ciò che è stato compiuto nella vita reale e in quella alternativa possibile? Il risultato parlerà da sé. Cosa sarebbe potuto essere e cos’è stato, da cosa l’uomo si è astenuto.
Alla fine per lui gloria e onore oppure biasimo eterno.

Domanda: Si può dire che questo è il mondo delle nostre immagini olografiche?
Risposta: No, questo non è un paragone corretto.
Un essere del mondo parallelo è dotato del pensiero, ha un’immagine e un corpo. In qualche modo la sua somiglianza apparente deve essere delineata. Però il suo corpo non è di carne e ossa, ma illusorio.
Quanto all’anima, suppongo che questi esseri, non la posseggano, in quanto il compito del sosia sta nell’effettuare le azioni inverse contemporaneamente a quelle fatte dall’essere terrestre nelle stesse circostanze.
Per questo c’è la possibilità di comparare due linee parallele della vita, definendo quella che è andata avanti nel suo sviluppo e la sua mentalità.

Domanda: Ci sono gli animali nel mondo parallelo?
Risposta: Qui si ripetono la natura e le condizioni di vita dell’uomo. La spiritualità e la vita vissuta vanno valutate non solo in rapporto di uno verso l’altro, ma anche in rapporto alla natura. E poi, cosa farebbero gli zoologi, i biologi, gli operatori degli zoo dei parchi e dei terrari?

Domanda: Si può entrare a contatto con gli abitanti del mondo parallelo?
Risposta: Deve essere possibile, ma finora non è stato fatto. Arrivare lì è possibile, ma in modo puramente casuale, in quanto non ci sono visite guidate.

Domanda: Sul mondo invisibile del pianeta Terra.
Risposta: Non conosco un mondo simile, ma penso che si intendano le anime inquiete e le formazioni pensanti degli altri pianeti che non sono riusciti ad effettuare la propria materializzazione.

(trad. DW – dic.2015)